0.00 0
Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

Farmaci che possono provocare l’impotenza

L’erezione è sicuramente un processo complesso che coinvolge un numero molto alto di apparati, organi e sistemi, il che rende piuttosto complicato identificare di volta in volta quale possa essere la causa specifica che determini l’impotenza, intesa tecnicamente come l’impossibilità di raggiungere e mantenere l’erezione al fine dia vere un rapporto sessuale completo.
Fra le cause probabilmente meno conosciute vanno anche ricordati i medicinali ed i farmaci che come effetto collaterale possano avere la disfunzione erettile.

Farmaci dannosi contro l’impotenza

In questi casi si può parlare di disfunzione erettile di causa iatrogena, ovvero sia determinato (in parte o totalmente) da un farmaco o da una terapia medica. Si tratta di vari principi attivi che possono provocare questo delicato problema: partendo dai farmaci specifici per curare l’iper tensione arteriosa bisogna ricordare come per raggiungere l’erezione sia necessario il rilassamento delle arterie del pene (determinato da ossido di azoto e dalla produzione di GMPc) e dalla contestuale vaso dilatazione che provoca il copioso afflusso di sangue nei corpi cavernosi e nei corpi spugnosi, che provoca l’estensione di questi corpi elastici fino all’inturgidimento avvenuto a contatto con il tessuto fibroso e più rigido della guaina albuginea. Rientrano in questa grande categoria farmaci di diversa natura come quelli diuretici (ad esempio a base di tiazina o di spironolattone), farmaci anti ipertensivi dall’azione centralizzata (ad esempio a base di metildopa, aventi come principio attivo la clonidina o la reserpina), gli alfa bloccanti (basati sul funzionamento della prazosina e della terazosina) infine i prodotti beta bloccanti, in grado di ridurre sensibilmente il numero dei battiti cardiaci che si basano sul funzionamento del propanololo, il metoprololo o l’atenolo (si tratta di prodotti che possono anche far risultare positivi ai controlli anti doping tenendo presente la loro capacità di diminuire il battito cardiaco e migliorare le prestazioni nelle attività sportive di resistenza come la corsa, il ciclismo, la maratona e lo sci di fondo). La prossima classe di farmaci che possono causare disfunzione erettile è chiamata dislipidemia (cioè trattando sia i livelli elevati di colesterolo che di trigliceridi), che includono gemfibrozil e clofibrato.

La salute sessuale degli uomini

Passando alla categoria successiva, troviamo farmaci che trattano problemi cardiaci specifici come l’insufficienza cardiaca (il sistema circolatorio cardiaco è importante in un processo complesso che inizia con la stimolazione e termina con l’erezione). su digossina, amiodarone, disopiramide, clortalidone. Vanno citati anche farmaci per problemi neurologici e psichiatrici, farmaci per malattie e difetti della ghiandola prostatica, farmaci per la regolazione del sistema endocrino, farmaci per problemi gastrointestinali e del tratto gastrointestinale, farmaci antinfiammatori e infine sostanze psicotrope, comunemente note come droghe.

Droghe e impotenza

Nel caso in cui si notino problemi di erezione e si stiano assumendo alcuni di questi farmaci, non si deve interrompere subito il trattamento ma è meglio rivolgersi al proprio medico per adeguate contromisure o terapie alternative.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *